Barbari

La nave

Testo Claudia Crabuzza
Musica Roberto Robbie Pinna
Edizioni Tajrà/RaiTrade

Certe volte è così pesante
cielo mare immenso grigio
terra all'orizzonte sembra viva
è solo un campo grigio

Potrei essere sul Baltico
al tramonto o all'alba
un giorno infinito
non c'è la notte
che porta il buio
non c'è il sole
che colora il mondo

Io ripartirei domani

Potrei avere lo zaino pieno
di patate fritte
e salmone affumicato
castagne arrosto e sigarette e
per brindare una bottiglia di rosso

Potrei pensare che questi crampi
sono ansia per un viaggio finito
sola sul ponte di una nave grigia
faccia umida di sale e occhi stanchi